U FUÉCHE ABBÉLL BÉLL S’È STUTÉTE

  • 19 Marzo 2016
  • 1432

Una poesia in vernacolo per riflettere sulle nostre tradizioni, che purtroppo vanno scomparendo. Un'opera della dottoressa Matilde Nardulli, interpretata dal nostro Giuseppe Cantore.

Ci sèpe purcè
me vogghie arrucurdè ca a marze...
a dì du dicciannove, a San Gèseppe,
s'appeccecavane i fanove.

Abbasce a Marine, sotto o Rutelone
o larie du Scuffelète e suse a Chisa Granne
s'ammuntunavene i glione
purcè ialte ière a ièsse u fuèche da duvezione.

Mille facidde... prime da vampète,
rumore de frasche appecechète
e nu fume, pure idde profumète.

O calle de stu fuèche
l'arie se calmève
e atturne atturne chi frissole...
cicere fritte e mire de cantine se bevève.

Ière a fèste de San Gèseppe.

è stète e iè pure a fèste de l'attène
ma u fuèche, abbèlle bèlle, s'è stutète...

Dott.ssa Matilde Nardulli


WhatsApp

Iscriviti al servizio WhatsApp e ricevi GRATUITAMENTE le notizie più importanti direttamente sul tuo smartphone. Clicca qui per iscriverti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altro in questa categoria: « I FÉMENE DE NA VOLTE

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
15
17
19
21
22
23
24
25
26
27
29
30
31

Parola di Rocco

PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

Dok

Seguici su

cia logo