Seguici su

EMERGENZA "FILIPPO SURICO": «CARO SINDACO, QUAL È LA TUA VOLONTÀ?»

L'istituto di istruzione "Filippo Surico" chiede chiarezza e lo fa tramite una lettera a firma del dirigente scolastico Antonio Ludovico, protocollata in Comune e per conoscenza in Regione, in Prefettura e ai sindacati. 

In seguito alla chiusura del plesso di via delle Spinelle, datata 18 gennaio 2018 e ordinata dal sindaco Giovanni Gugliotti per ragioni di sicurezza (clicca qui per rileggere l'articolo), il preside a nome di tutto il corpo docente, in previsione dell'anno scolastico 2018/19, chiede di «conoscere formalmente la volontà dell'amministrazione comunale in merito all'allocazione delle classi già presenti nel plesso Surico».

In altre parole, la dirigenze dell'istituto vuole sapere se quelle classi saranno anche l'anno venturo ospitate nell'edificio centrale della Pascoli «o se l'amministrazione intende reperire a stretto giro una nuova collocazione che consenta pari opportunità organizzative e formative per i due istituti comprensivi presenti a Castellaneta».

Una lettera, inviata anche agli organi di stampa, anticipata da un incontro che il Partito Democratico e il Movimento 5 Stelle di Castellaneta, tramite due consiglieri comunali, tenne un mese fa con il dirigente scolastico Antonio Ludovico, con l'obiettivo comune di garantire agli alunni dell'istituto comprensivo "Filippo Surico" un'offerta formativa e diritti analoghi a quelli di studenti di altri istituti. Da quell'incontro emerse la necessità di affrontare l'argomento in una seduta di consiglio comunale (clicca qui per rileggere l'articolo).

Ma le richieste che oggi la scuola formula al sindaco, rappresentante di tutta l'amministrazione comunale, non sono finite: «vogliamo conoscere come si intende risolvere la questione relativa alla mancanza di un plesso unico per la scuola primaria - si legge nella lettera - ovvero, visto l'avviso pubblico per la formazione del Piano Regionale triennale per l'edilizia scolastica, si chiede se si intende avanzare proposta per la costruzione di un nuovo edificio scolastico da destinare alla scuola primaria della Surico.

Infine, viste le linee guida per il dimensionamento della rete scolastica e dell'offerta formativa, chiediamo all'amministrazione se intende confermare il dimensionamento scolastico con due istituti comprensivi esistenti a Castellaneta, considerato che per il prossimo triennio, persistendo le nostre condizioni di emergenza, non sarà più possibile consegnare una razionale ed efficace distribuzione della rete scolastica sul territorio ne sarà possibile garantire l'uguaglianza all'accesso alle diverse opportunità formative nonchè l'efficace esercizio dell'autonomia scolastica, la stabilità nel tempo alle stesse istituzioni scolastiche e consentire alla comunità locale una pluralità di scelte educative in grado di rendere fruibile l'esercizio del diritto allo studio».

Redazione ViViCastellaneta