RICHIESTA DI DEFERIMENTO MAZZARANO: LA RISPOSTA DI FRONTE DEMOCRATICO

In relazione al comunicato stampa firmato e diffuso da Gianni Di Pippa, Annarita Di Giorgio, Saviano Nazzareno e Rocco Ressa (Partito Democratico) che, in sintesi, hanno chiesto il deferimento di Michele Mazzarano alla Commissione provinciale di garanzia del Pd di Taranto, il coordinamento provinciale Fronte Dem ha risposto con una nota.

«Apprendiamo con sconcerto che alcuni sedicenti componenti di una fantomatica segreteria provinciale del Partito Democratico di terra ionica, hanno scritto ad un autoproclamato segretario provinciale, chiedendo il deferimento del consigliere regionale Michele Mazzarano. La motivazione sarebbe legata alla trasmissione televisiva Striscia la Notizia che avrebbe adombrato il sospetto di fatti su cui è giusto che si pronunci l’unica autorità competente che è l’Autorità Giudiziaria.

Colpisce soprattutto che gli scriventi si facciano portatori di un giudizio morale senza attendere che sia la magistratura ad esprimersi sulla vicenda e che, soprattutto, non tengano conto che finora l’unico che si è rivolto all’Autoritá Giudiziaria sia stato proprio Mazzarano. Di solito chi ha qualcosa da nascondere non si affida alla Procura della Repubblica.

Questa richiesta è, a nostro avviso, l’ultimo vergognoso tentativo di gettare fango al solo scopo di strumentalizzare una vicenda a fini di battaglia politica interna allo stesso partito.
Dopo questo deplorevole intervento si auspica una definitiva presa di posizione da parte della segreteria regionale e di quella nazionale che ponga fine alla precaria condizione di delegittimazione politica ed elettorale in cui versa il Pd di Taranto».

Redazione ViViCastellaneta


WhatsApp

Iscriviti al servizio WhatsApp e ricevi GRATUITAMENTE le notizie più importanti direttamente sul tuo smartphone. Clicca qui per iscriverti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
2
7
8
9
10
11
13
14
15
16
17
18
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Parola di Rocco

Seguici su

cia logo