Seguici su

LA FRATRES ELOGIA IL "CENTRO RACCOLTA SANGUE" DI CASTELLANETA: «UN ESEMPIO DI BUONA SANITÀ»

«Televisioni e giornali sono soliti, purtroppo, parlare di casi di malasanità.

Noi oggi, vogliamo invece parlare di "buona sanità" e schierarci a favore di quei professionisti che quotidianamente svolgono il loro lavoro con coscienza, passione e dedizione, ricordando che non sempre le strutture in cui si opera e le amministrazioni, offrono garanzie e livelli di efficienza adeguati». 

A parlare, a ragion veduta, è il gruppo Fratres Castellaneta, una realtà ormai consolidata nel territorio e forte di numeri che, specialmente negli ultimi anni, mai si erano registrati nella città del mito.

«Vogliamo parlare di "buona sanità" in maniera semplice - scrivono i volontari di Castellaneta, con il loro presidente Dario Polito - facendo nomi e cognomi delle persone che operano nella nostra realtà territoriale, perchè riteniamo che spendere delle parole di elogio nei confronti del loro operato, sia un giusto compenso nei confronti di chi, oltre ad offrire la propria competenza professionale, ci mette anche il cuore.

Stiamo parlando del "Centro raccolta sangue" dell'ospedale di Castellaneta, diventato a nostro giudizio una vera punta di diamante del nosocomio. Avviato nel luglio 2012 con circa 250 donazioni, ha raggiunto nello scorso anno la ragguardevole cifra di 1300 sacche raccolte, con trend in costante crescita.

Infatti anche nei primi mesi di quest'anno si registra un aumento del 30% rispetto al 2017. Partito con un solo medico (il dottor Francesco Casulli, un infermiere Francesco Montemurro ed un'ausiliaria Pasqua Sannelli) il centro ha retto, ha garantito il servizio ed è cresciuto notevolmente. Gli operatori, sempre presenti e disponibili anche in orari extra lavorativi, forniscono costantemente indicazioni e chiarimenti ai numerosi donatori.

Ecco spiegata la crescita del centro, resa possibile anche grazie all'impegno della direzione che ha saputo investire, fornire una struttura nuova ed incrementare il personale medico arricchendolo con nuove figure: il dottor Pierluigi Giannini, il dottor Nicola Lorusso, ed l'infermiera Nicoletta Garzone, sotto la supervisione del responsabile dottor Francesco Caretta.

Oggi, noi di Fratres Castellaneta a nome dell'intera comunità, vogliamo dire grazie di vero cuore a questi professionisti dal grande lato umano; grazie, inoltre, da tutti quei donatori che in maniera costante ci segnalano apprezzamento e soddisfazione per il nostro lavoro e per l'operato di questi professionisti che fanno del centro un vero punto di riferimento di tutto il versante occidentale della provincia di Taranto.

Infine - concludono i volontari Fratres di Castellaneta - approfittiamo per informare la popolazione dell'apertura straordinaria di domenica 22 aprile (nuova giornata della donazione dalle 8:30 alle 12:30) ricordando il nostro motto: "chi dona sangue, dona un sorriso"».

Redazione ViVi Castellaneta


WhatsApp

Iscriviti al servizio WhatsApp e ricevi GRATUITAMENTE le notizie più importanti direttamente sul tuo smartphone. Clicca qui per iscriverti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA