LOPANE SCRIVE AL MINISTRO MARTINA: «SALVA LA CASA PD PRIMA CHE BRUCI»

Caro vice segretario Martina, salva la casa prima che bruci!

Napoli e Taranto sono lo specchio di un partito che ha bisogno di ritrovare immediatamente e senza più perdere tempo la sua identità e la sua integrità. L’unica strada che mi hanno insegnato per far questo è il ripristino delle regole certe.
Nel capoluogo partenopeo come in quello jonico, il Pd ha offerto uno spettacolo poco edificante, celebrando congressi di componenti, di correnti, poiché a fronte dell’assenza delle agognate regole la base ha preso giustamente le distanze.

Caro vice segretario, non ti nascondo che nella vicenda congressuale di Taranto in cui sono stato candidato alla segreteria provinciale ci siamo sentiti molto soli. Non abbiamo sentito la vicinanza che hai garantito agli amici di Napoli. Eppure qui le irregolarità sono state evidenti e di una gravità inaudita tanto da obbligarmi a ritirare la mia candidatura. Anche davanti a questo gesto forte non ci sono state prese di posizione dal partito regionale e nazionale.
Ha votato metà degli aventi diritto. È questo un congresso rappresentativo di una base partecipata che riesce ad esprimersi democraticamente?

Cosa posso rispondere a quegli uomini e quelle donne quando mi fanno notare che
i congressi sono partiti prima della convalida dalla commissione di garanzia dell’anagrafe degli iscritti? E ancora, che la commissione di garanzia regionale ha riconosciuto in alcuni circoli irregolarità nei tesseramenti, annullando tutto il tesseramento 2017 anziché solo ciò che non era legittimo e di fatto escludendo il contributo politico dato dal sindaco di Taranto che ha riportato il PD al governo della città? Cosa rispondo a questi militanti quando mi mostrano il video pubblicato anche sul sito di Repubblica in cui si vedono chiaramente i metodi artefatti di sottoscrivere tessere in assenza delle persone fisiche, delegando firme e versamenti a terze persone? Come si risponde alle immagini che nulla hanno di politica che professiamo, che parte dal basso, quando i congressi sono stati celebrati sui marciapiedi con le serrande dei circoli ufficiali giustamente chiuse?
E come se non bastasse, come rispondo alle minacce di commissariamento relative a quei circoli che oggi come da Statuto e da regolamento si stanno autoconvocando per definire i nuovi organismi dirigenziali?

Caro vice segretario, davanti a questo paradosso politico, ti prego di darmi gli strumenti per rispondere e per ripristinare la vera politica che ci hanno insegnato i padri della Sinistra Italiana ai quali dobbiamo un tributo di etica che oggi a Taranto come a Napoli si è completamente perso.

Taranto sta vivendo uno dei momenti più delicati e difficili della sua storia. C’è bisogno che la Politica torni a dettare regole, etica, serietà, che torni ad essere affidabile, che non sia sponsor o portavoce di interessi di parte, ma che sia baluardo esclusivo degli interessi delle famiglie e dei lavoratori.

Caro vice segretario, vieni a Taranto e aiutaci a salvare la città prima che bruci.

Gianfranco Lopane
Sindaco di Laterza

Comunicato stampa


WhatsApp

Iscriviti al servizio WhatsApp e ricevi GRATUITAMENTE le notizie più importanti direttamente sul tuo smartphone. Clicca qui per iscriverti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Eventi

Parola di Rocco

PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

Seguici su

cia logo