RICETTAZIONE, DENUNCIATO UN MASSAFRESE: NASCONDEVA ARNIE A CASTELLANETA E MOTTOLA

I Carabinieri della Compagnia di Massafra, in collaborazione con quelli della Stazione Forestale CC di Mottola, hanno denunciato in stato di libertà un 55enne massafrese, ritenuto responsabile del reato di ricettazione.

I militari hanno avuto notizia che alcune arnie, di sicura provenienza furtiva, erano state collocate abusivamente in due distinti terreni ubicati alla periferia di Mottola e Castellaneta.

Gli immediati accertamenti hanno consentito ai Carabinieri di individuare i luoghi dove erano celate le arnie. Infatti, nel terreno ubicato nel territorio di Mottola sono state rinvenute 31 arnie di api in produzione, mentre nel terreno di Castellaneta altre 30 che, debitamente smontate, erano state accatastate ed occultate.

Durante l’attività investigativa, gli operanti, dopo aver identificato l’uomo che aveva in uso i terreni in questione, hanno proceduto ad una perquisizione domiciliare rinvenendo ulteriori 20 arnie, regolarmente smontate, di cui il 55enne non è riuscito a giustificare la provenienza.

In tale contesto, sono state convocate alcune vittime di questa particolare tipologia di furto che hanno riconosciuto la proprietà delle arnie rinvenute in considerazione del fatto che su alcuni telai erano impressi con stampa a fuoco il logo della propria impresa commerciale; alcune inoltre erano state fabbricate artigianalmente dagli stessi denuncianti mentre altre erano state acquistate direttamente da una ditta albanese.

In considerazione di quanto sopra, il materiale rinvenuto, il cui valore supera di gran lunga i 10mila euro, è stato sottoposto a sequestro ed affidato in giudiziale custodia ai proprietari, mentre il 55enne massafrese è stato deferito in stato di libertà.


WhatsApp

Iscriviti al servizio WhatsApp e ricevi GRATUITAMENTE le notizie più importanti direttamente sul tuo smartphone. Clicca qui per iscriverti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
27
28
29
30

Parola di Rocco

PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

Seguici su

cia logo