MALARIA NEL TARANTINO, È STATO L'OSPEDALE DI CASTELLANETA A CENTRARE LA DIAGNOSI

Sono transitati dal Pronto Soccorso di Castellaneta i quattro braccianti che hanno contratto la malaria ed ora sono ricoverati nel reparto "Infettivi dell'ospedale Moscati di Taranto". 

A partire dalla scorsa settimana, i giovani di età compresa tra i 21 e 37 anni (tre magrebini ed un sudanese), residenti a Marina di Ginosa, in momenti diversi si erano recati nel nostro nosocomio accusando gli stessi sintomi: febbre, dolori intenstinali, brividi, mal di testa, mal di schiena, sudorazione profusa, dolori muscolari, nausea e vomito.

I quattro pazienti, che hanno contratto la malaria da "Plasmodium falciparum", avevano ricevuto proprio a Castellaneta le prime cure del caso.

L'equipe medica del Pronto Soccorso, di concerto con il personale medico ed infermieristico del Laboratorio analisi, aveva incrociato i risultati dei primi esami a cui i ragazzi erano stati sottoposti (come per esempio lo striscio di sangue), centrando subito la diagnosi ed allertando il reparto Infettivi dell'ospedale Moscati di Taranto.

Tornando alla strettissima attualità, i quattro giovani ora sono fuori pericolo e il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha escluso categoricamente l'emergenza malaria nel Tarantino; si ipotizza che la malattia sia stata contratta a causa di zanzare anofele, trasportate in Italia con valige di persone provenienti da altre zone del mondo, evidentemente ad alto rischio.

Dario Benedetto


WhatsApp

Iscriviti al servizio WhatsApp e ricevi GRATUITAMENTE le notizie più importanti direttamente sul tuo smartphone. Clicca qui per iscriverti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Eventi

Parola di Rocco

PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

Seguici su

cia logo