SOS ANESTESISTI A CASTELLANETA: STOP AGLI INTERVENTI CHIRURGICI PROGRAMMATI

Il Direttore Sanitario del presidio occidentale di Castellaneta dottor Michele Lonoce, ha sospeso tutti gli interventi chirurgici programmati dei reparti di Ortopedia, Chirurgia e Ginecologia.

La bomba ad orologeria legata alla carenza di medici anestesisti-rianimatori nell'ospedale di Castellaneta è esplosa stamattina mandando in tilt l'intero nosocomio, anche se l’argomento era già noto agli addetti ai lavori e nell’aria c’era già odore di polvere da sparo.

L’unità operativa di Anestesia-Rianimazione dell’ospedale di Castellaneta è composta ormai da diversi mesi solo da sei medici, tra cui uno attualmente in ferie (che doveva godere obbligatoriamente) ed un primario facente funzione prossimo alla pensione (ci andrà tra il primo dicembre) e inaspettatamente, in malattia a partire da oggi.

Questa la goccia che ha fatto traboccare il vaso, perché quando in ospedale si sono visti recapitare quel certificato medico, è stata bagarre: con solo quattro dottori “superstiti”, il turno di stamattina è stato coperto da un solo medico anestesista che, dopo una prima operazione di Ortopedia, ha comprensibilmente incrociato gli attrezzi e riposto gli anestetici; preludio questo alla decisione di Lonoce.

E adesso cosa accadrà? Gli interventi di elezione restano sospesi fino a data da destinarsi, ma già da domani mattina, un anestesista ingaggiato a “gettone”, da Martina Franca verrà a Castellaneta a dar manforte ai suoi colleghi, per portare a termine le operazioni chirurgiche rimaste in sospeso.

Una soluzione tampone, quindi, ma si continua a navigare a vista perché il fatto resta di una gravità assoluta: sugli anestesisti si imperniano tutte le attività di un ospedale e se non ci saranno interventi risolutivi, salterebbero Tac e risonanze magnetiche con mezzo di contrasto, colonscopie e gastroscopie, ovvero tutte le prestazioni che necessitano di sedazione. Verrebbero salvati solo gli interventi urgenti non differibili e le emergenze provenienti dal Pronto Soccorso e dai reparti di degenza.

«Il Direttore Sanitario della Asl di Taranto sta gestendo l’emergenza al fine di trovare soluzioni nell'immediato – ha riferito Lonoce a ViViCastellaneta – il problema di fondo è che scarseggiano gli anestesisti, infatti una situazione analoga è accaduta un mese fa anche al Santissima Annunziata di Taranto.

Daremo priorità assoluta ai pazienti ricoverati, sperando di riuscire a tamponare con l’innesto del nuovo anestesista e con il lavoro encomiabile dei restanti medici dell’unità operativa».

Delicatissima, infine, la situazione legata al reparto di Ostetricia-Ginecologia: dopo un serrato confronto con i medici ginecologi, Lonoce fa sapere che per il momento non è stato disposto il blocco dei ricoveri delle gestanti ma la situazione resta critica e in continuo divenire.

«Abbiamo il dovere di fare e dare il massimo fino alla fine – ha poi concluso – godiamo della disponibilità di tutto il personale e lavoreremo sodo affinchè il problema si risolva definitivamente».

Dario Benedetto


WhatsApp

Iscriviti al servizio WhatsApp e ricevi GRATUITAMENTE le notizie più importanti direttamente sul tuo smartphone. Clicca qui per iscriverti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Eventi

Parola di Rocco

PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

Seguici su

cia logo