CONSIGLIO COMUNANE, I GRILLINI FANNO "SCIOPERO": «ECCO I MOTIVI»

A partecipare ai lavori del consiglio comunale di questa mattina, tra i banchi dell'opposizione c'era solo Gianni Di Pippa di Castellaneta Rinasce. 

A quella di Antonio D'Ambrosio, out per motivi di salute, sono infatti seguite le assenze dei consiglieri in forza al Movimento 5 Stelle Raffaele Rochira e Agostino De Bellis che hanno deciso di non prendere parte alla seduta «in quanto la documentazione completa riguardante i punti all’ordine del giorno è stata messa a disposizione dei consiglieri solo alle 13:30 del giorno di ieri e non almeno 24 ore prima del consiglio così come prevede il vigente regolamento comunale».

Quella del Movimento 5 Stelle è stata un'assenza rumorosissima che ha sbilanciato nettamente gli equilibri ed affidato al solo Di Pippa il compito di far "reparto" da solo.

Lo stesso Di Pippa, a consiglio finito, non ha nascosto il suo disappunto: «Stamattina non c'erano gli estremi per non presentarsi, per questo non ho assolutamente condiviso la posizione dei consiglieri Rochira e De Bellis».

Il Movimento 5 Stelle poi ha messo nero su bianco, inviando una nota dettagliata contenente le motivazioni dello "sciopero": «la conoscenza degli atti amministrativi, da votare in consiglio comunale, è fondamentale in quanto le responsabilità che derivano dalle votazioni delle deliberazioni consiliari sono a carico dei singoli consiglieri e non dei dirigenti, del sindaco o della giunta comunale. 

I consiglieri di maggioranza e minoranza devono essere messi nelle condizioni di poter studiare gli atti, questo a tutela sia degli interessi dei cittadini che a tutela degli stessi consiglieri sui quali ricade la responsabilità civile, penale e amministrativa.

Per onesta intellettuale ci preme sottolineare la sensibilità del dottor Sicuro che ha inviato a tutti i consiglieri delle e-mail contenenti le deliberazioni dei punti all’ordine del giorno alle 8:28 di ieri, ma prive di alcuni documenti fondamentali.

Ringraziamo il presidente del consiglio che ha chiesto sin da venerdì scorso la disponibilità, anche ai consiglieri di minoranza, atto senza precedenti, a svolgere il consiglio comunale in data odierna.

Ribadiamo il concetto, già espresso anche in passato: è inutile convocare un consiglio comunale se non ci sono ancora tutti gli atti ma sarebbe opportuno avere l’incartamento completo a disposizione nel momento della convocazione.

Anticipiamo che il Movimento 5 Stelle ha già pronta una bozza di variazione al Regolamento Comunale, ormai obsoleto, e chiederà nei prossimi giorni di convocare una conferenza dei capigruppo per la condivisione dello stesso con tutte le altre forze politiche in un’ottica di collaborazione finalizzata al bene comune».

A quest'ultima presa di posizione ha fatto eco ancora Di Pippa: «come componente della commissione "Affari Generali" presenterò una modifica del regolamento per consentire ai consiglieri di avere tutta la documentazione disponibile in tempo utile per preparare al meglio i consigli comunali».

Redazione ViViCastellaneta


WhatsApp

Iscriviti al servizio WhatsApp e ricevi GRATUITAMENTE le notizie più importanti direttamente sul tuo smartphone. Clicca qui per iscriverti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Eventi

Parola di Rocco

PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

Seguici su

cia logo