EOLICO: «CONVENZIONE DI UNA NOTTE DI INIZIO ESTATE»

Il neo eletto consigliere comunale del Movimento 5 Stelle, Agostino De Bellis, forte anche delle firme dei consiglieri uscenti Rocco Loreto, Michele D'Ambrosio e Leonardo Rubino ha redatto una nota sull'eolico.

«Succede sempre d’estate, e cioè nei periodi in cui le persone sono meno attente, che le amministrazioni comunali lavorano indefessamente per il bene comune (di chi?).
Mentre il popolo sovrano si preparava per scegliere i nuovi amministratori, i saggi della giunta uscente si distinguevano ancora una volta per la produzione di atti per il bene comune (di chi?)

Già in precedenza il 14 agosto del 2007 (alla vigilia di ferragosto) la giunta D’Alessandro, con Gugliotti già presidente del consiglio comunale, ordinava al dirigente comunale di firmare la convenzione con la GEC di Napoli poi GREEN CASTELLANETA S.p.A.), società titolare di 28 pale eoliche, accettando un versamento nelle casse del Comune del 2,5% sull’energia venduta , al netto dell’IVA e con l’esclusione dei certificati verdi; in pratica meno dell’1% sulle entrate totali dell’azienda. Il risultato brillante di questo atto, compiuto sotto il solleone ferragostano, è che mentre la cifra incassata dalla società in questione si aggira annualmente intorno ai 20.000.000 di euro all’anno la cifra concessa al comune non supera i 140.000 euro annui.

Se all’epoca l’Amministrazione comunale di Castellaneta avesse firmato una convenzione per i versamenti al Comune in linea con quelli garantiti per tutti gli altri comuni cioè del 5-6% sul totale degli introiti, ci saremmo garantiti un’entrata di 1.000.000 di euro circa l’anno per 29 anni.

Ma si sa, il sindaco Gugliotti è stato chiarissimo, quello che è successo nel passato non riguarda gli attuali amministratori perché fu detto nel 2012 “ E’ tutta un’altra storia”!

Qualche giorno fa, però, a microfoni del consiglio comunale ormai spenti ecco che spunta un’altra convenzione, stavolta coon la società è la EDP Renewables Italia s.r.l. , titolare di un impianto di 8 aerogeneratori con potenza totale di 16 MW.
Pur non esistendo alcuna urgenza, la giunta comunale, con grande senso di responsabilità e devozione, ha lavorato anche nell’ultima settimana di campagna elettorale, producendo la delibera n. 91 del 6 giugno 2017 con la quale si approvava la convenzione con la società EDP Renewables Italia s.r.l.

La società EDP, alla quale i consiglieri di opposizione, in una conferenza dei capigruppo, avevano richiesta una cifra garantita di 150.000 euro annui e una una tantum di 120.000 euro si è resa disponibile a versare nelle casse comunali quasi la metà della cifra e cioè 80.000 euro come UNA TANTUM e 70.000 euro annui garantiti per i 20 anni di concessione.

Questo perché le amministrazioni precedenti non avevano stipulato alcuna convenzione con la ditta prima dell’installazione delle maxi-torri. Infatti la stessa azienda ha evidenziato che, “nonostante la società avesse trasmesso proposte di convenzione al comune di Castellaneta, in particolare in data 25 agosto 2005 (giunta Nicolotti) e in data 15 settembre 2008 (giunta D’Alessandro) nessuna risposta è pervenuta dal comune né per iscritto né nella sede competente durante le riunioni di conferenza dei servizi”.

In pratica gli amministratori comunali (diversi dei quali in carica da 10-15 anni ed ora rieletti in consiglio comunale) non si erano presentati alle conferenze dei servizi e quindi non avevano chiesto niente!
Ci saremmo aspettati ora un cambio di direzione e di passo da Gugliotti, che aveva promesso che con lui sarebbe stata tutta un’altra storia.

La novità è che la nuova convenzione dei giorni scorsi non produrrà un solo euro di entrate per il comune per i passati quattro anni, ossia dal 2013 (data di entrata in funzione del parco eolico) ad oggi; le entrate saranno versate al Comune solo d’ora in poi, con una perdita secca di quattro anni di entrate. Ogni commento è affidato all’intelligenza dei cittadini.»


WhatsApp

Iscriviti al servizio WhatsApp e ricevi GRATUITAMENTE le notizie più importanti direttamente sul tuo smartphone. Clicca qui per iscriverti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Eventi

Parola di Rocco

PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

Seguici su

cia logo