#Castellaneta2017 - SICUREZZA E LEGALITÀ: "PERCEZIONE" DI OCCASIONE MANCATA

«Se lo scopo era quello di mettere al centro della discussione il tema della sicurezza e della legalità riempiendo l'auditorium di cittadini direi che è stato un successo. Se invece, e questo era il mio scopo reale, si voleva condannare un clima strisciante che sta assuefacendo i cittadini a ritenere normale che ogni tanto venga bruciato qualcosa, e si voleva prendere un impegno comune suggerendo qualche proposta, allora direi che l'appuntamento è stato fallito

Ha commentato in questo modo, affidandosi ai social, Donatello Lemma, candidato sindaco di Un'altra Città ed organizzatore dell'evento su sicurezza e legalità che nella giornata della Liberazione dell'Italia ha fatto registrare in auditorium un'ottima cornice di pubblico.

Si perchè sul palco, fianco a fianco come in una riunione di condominio, i quattro candidati sindaco si sono affrontati, chi più chi meno, cogliendo al volo maliziosamente l'opportunità di inaugurare col botto la loro campagna elettorale.

Poche proposte, molte polemiche: i candidati si sono annusati, hanno marcato il territorio e non si sono certo risparmiati qualche colpo di teatro, offrendo al pubblico composto da sostenitori, militanti e attenti uditori, un ricco antipasto della grande abbuffata di comizi che presto ci sarà in piazza Umberto I.

Parlavamo di colpi di scena: il più evidente è certamente stato quello di Giovanni Gugliotti. Il sindaco uscente ha confidato alla platea un episodio di clientelismo che, a sua detta, riguarderebbe proprio il candidato sindaco del MoVimento 5 Stelle Raffaele Rochira: Gugliotti, qualche anno fa sarebbe stato contattato da Rochira al fine di ricevere un'intercessione nel consiglio di amministrazione del Gal, per risolvere alcune pratiche legate alla sua persona. «Chiama la Guardia di Finanza, fissa un appuntamento, e se ciò che dici è vero vai a denunciare» è stata la risposta del candidato grillino. 

Non le ha mandate a dire nemmeno Di Pippa, il candidato sindaco di Castellaneta Rinasce: pimpante e brioso come al solito, ha spesso dribblato egregiamente le domande del moderatore rivolgendosi a Gugliotti con una dialettica lecitamente provocatoria.

Gugliotti, spesso dilungandosi, ha provato a rispondergli ma è parso evidente che le sue attenzioni fossero rivolte quasi esclusivamente al candidato del MoVimento 5 Stelle; gli incartamenti stretti tra le mani ne sono stati la prova: tutti volti a sminuire la campagna elettorale dei grillini.

Sicurezza e legalità, eccoci finalmente alle proposte: Di Pippa si è mostrato puntuale, promettendo di aderire ad "Avviso Pubblico" (l'associazione di enti locali contro le mafie) e di ricorrere alle gare d'appalto come modus operandi; Lemma invece ha sottolineato l'importanza di non lasciare soli i cittadini confidando l'intenzione di installare telecamere di video sorveglianza nei luoghi strategici della città.

Rochira ha acceso i riflettori sui problemi di inquinamento mafioso nel mondo agricolo e non solo, promettendo di istituire una commissione antimafia comunale e garantendo, in caso di successo elettorale, un'amministrazione trasparente. Gugliotti, nella morsa dei candidati, si è difeso chiedendo di non alimentare la cultura del sospetto e mostrando le deliberazioni comunali che nel futuro prossimo consegnerebbero a Castellaneta una cittadella della sicurezza, la sostituzione di tutti i corpi illuminanti e l'installazione di numerose telecamere.

In mezzo, tanto politichese che il pubblico non ha gradito. La strada che porta alle elezioni è ancora lunga e i candidati avranno tempo per correggere il tiro ed affrontare in modo più rispettoso tematiche così importanti. Tra gli elettori ci sarà ancora qualcuno disposto a crederci?

Dario Benedetto


WhatsApp

Iscriviti al servizio WhatsApp e ricevi GRATUITAMENTE le notizie più importanti direttamente sul tuo smartphone. Clicca qui per iscriverti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
27
28
29
30

Parola di Rocco

PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

Seguici su

cia logo