#Castellaneta2017 - SCHIAVONE HA DECISO: «SI AL "LISTONE" PRO-GUGLIOTTI»

Bruno Augusto Schiavone (Fratelli d'Italia) Bruno Augusto Schiavone (Fratelli d'Italia)

Incetta di liste civiche e penuria di partiti politici. Questo è il quadro che si sta delineando in vista delle Comunali di Castellaneta, a mano a mano che la campagna elettorale entra nel vivo.

Non ci sarà Forza Italia, notizia vecchia; non dovrebbe esserci nemmeno il Pd e ormai è chiaro che al Movimento 5 Stelle non piace definirsi un partito politico. Alla lunga lista degli assenti ci toccherà aggiungere anche Fratelli d'Italia, perchè la notizia è stata da poco ufficializzata dal coordinatore cittadino Bruno Augusto Schiavone.

In conferenza stampa, l'ex vicesindaco ha confermato la sua candidatura a supporto del sindaco uscente Gugliotti, precisando che Fratelli d'Italia garantirà il proprio sostegno senza comparire con nome e logo, ma aderendo ad un "listone" civico chiamato "Alleanza di Centrodestra" (con lui dovrebbero esserci anche il dottor Annibale Cassano e l'ex forzista, ora tesserato FdI, Paolo Cassone).

Una decisione, secondo quanto riferito da Schiavone, partorita democraticamente dopo una fitta serie di riunioni di partito, alle quali hanno preso parte anche l'onorevole Carmelo Patarino e la giovane Francesca Arrè.

La frattura, come è facile intuire, con i due è stata insanabile: se da un lato, infatti, Patarino premeva per assicurare agli iscritti una propria identità dopo 5 anni di serrata opposizione, dall'altro Schiavone forte a sua detta dell'appoggio della maggior parte dei tesserati, strizzava l'occhio a Gugliotti.

«Nel corso degli ultimi anni - ha riferito Schiavone - ho capito che per fare politica bisogna necessariamente sedere in consiglio comunale e con questa scelta credo ancora di trovarmi nella parte giusta, tra le fila del centrodestra. Non ho mai condiviso, a differenza di altri, esperienze con esponenti o attivisti del centrosinistra ne tantomeno mi sono intrattenuto sotto i gazebo domenicali dei grillini».

Intanto, da ambienti vicini al quartier generale di via san Francesco 24 (che per Schiavone non è la sede del partito ma la segreteria politica dell'onorevole Patarino) qualcosa, in particoalre qualche quesito, è trapelato: «Come farà Schiavone, uomo di centrodestra, a condividere la sua nuova esperienza con esponenti cittadini del Partito Democratico e con vecchi avversari politici di centrosinistra?»

Lo scopriremo solo vivendo, ma per ora Schiavone resta sereno: «Su Gugliotti mi sono ricreduto perchè ha scongiruato egregiamente lo spauracchio del dissesto finanziario ed ha risolto definitivamente la situazione legata al crollo di viale Verdi. La sua sarà una coalizione civica trasversale, come quella di Di Pippa alla quale sembrerebbe strizzare l'occhio l'avvocato Cristiano Rizzi (ex candidato sindaco di Futuro e Libertà ndr). La politica adesso va nella direzione dei movimenti civici, dobbiamo prenderne atto; con Gugliotti non ci saranno partiti, ma singole identità e poi ci saremo noi che siamo un'espressione di Fratelli d'Italia».

Il finale è dedicato a chi ama i colpi di scena: «Se il Partito Democratico scenderà in campo con il proprio nome e la propria lista a supporto di Gugliotti, ritirerò la mia candidatura. Lo farei nel nome del centrodestra che rappresento».

Dario Benedetto


WhatsApp

Iscriviti al servizio WhatsApp e ricevi GRATUITAMENTE le notizie più importanti direttamente sul tuo smartphone. Clicca qui per iscriverti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Eventi

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
7
8
9
11
12
15
16
17
21
22
23
24
27
28
29
30
31

Parola di Rocco

Seguici su

cia logo